Presentazione del primo complesso residenziale di ville Ecolibera ad Asti | Canale Energia

 

Lo scorso 3 ottobre è stata inaugurata ad Asti la prima villetta Ecolibera del complesso residenziale Country Due, realizzato dall’impresa di costruzione Cerruti Fratelli Srl. Si tratta di una delle 11 abitazioni energeticamente autosufficienti, incentrate sul concept edilizio creato da Finlibera Srl, società che progetta case a zero emissioni e potenzialmente autonome dalla rete elettrica (quando le norme lo consentiranno).

 

“Il futuro è già presente”

Non è la villa del futuro, ma la villa del presente”, ha spiegato ai giornalisti Pierpaolo Zampini, co-amministratore insieme a Dario Mortini di Finlibera, sottolineando come “costruire oggi una casa alimentata a gas e non completamente autosufficiente da un punto di vista energetico rappresenti un vero e proprio nonsense”.

La tecnologia  – ha aggiunto uno dei due fondatori di Ecolibera – ci consente infatti di avere già ora, a costi accessibili, una casa capace non non solo di autoalimentarsi, ma anche di fornire energia ai veicoli elettrici, che a loro volta sono a emissioni zero. Con questa casa abbiamo la sicurezza di poterci scollegare un domani dalla rete senza problemi, quando le norme lo consentiranno”.

 

“Una micro-smart city”

“La casa alimenta inoltre, solo per fare qualche esempio, una serie di orti idroponici per l’autoproduzione di cibo e la piscina idromassaggio riscaldata. In generale si tratta di un edificio concepito come una sorta di micro-smartcity, che dà la possibilità di avere in casa dei sistemi integrati che ci permettono di essere il più possibile autonomi”, ha sottolineato Zampini.

 

L’adesione al modello Ecolibera

Ma quali sono stati nello specifico i parametri richiesti dal modello Ecolibera? “Rispetto al progetto iniziale – ha spiegato a Canale Energia Enrico Cerruti amministratore delegato di Cerruti Fratelli Srl – siamo passati dai 5 kilowatt previsti inizialmente a 20 kilowatt. A livello di tecnologia interna della casa noi già mettevamo sistemi di domotica che abbiamo esteso anche altri impianti. Abbiamo adottato tutti i controlli da remoto previsti da Ecolibera. In generale è stato facile passare dal progetto iniziale alla proposta di Finlibera“.

 

VMC e pompe di calore

Tra le tante soluzioni tecnologiche presenti nell’abitazione impianto troviamo anche un sistema di ventilazione meccanica controllata (VMC), una pompa di calore (per produzione calibrata di acqua fredda e calda per climatizzazione e sanitari) e un impianto installato in garage per la ricarica di veicoli elettrici. Tutte tecnologie che lavorano in maniera sinergica per rendere la casa un grande organismo integrato e incentrato sui principi dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale.

 

Ufficio stampa e PR: info@patriziadesantopr.it

Correlati

Ecolibera, il primo complesso di ville a impatto zero | DentroLaNotiziaBreak

Il progetto porta ad Asti la casa ecosostenibile e ipertecnologica ASTI – Sulle colline tra...

Continua a leggere

La villa ecologica che si paga le bollette e il pieno | La Stampa – Asti

A Castiglione c'è "Ecolibera", dalla cuccia del cane con fotovoltaico alle colonnine per la...

Continua a leggere

Asti, la casa del futuro che libera da bollette e carburante | IL SECOLO XIX

  Sulle colline, a una manciata di chilometri dal centro di Asti, c'è il primo...

Continua a leggere

Unisciti alla discussione