Ecolibera, la casa in armonia con l’ambiente | ERRE AL QUADRATO

  • 27 Febbraio 2020
  • Press
  • 0

Zero costi di energia e di mobilità, ecco la dimora si ripaga da sola, sulle colline tra le Langhe e il Monferrato: una casa tutta elettrica che libera da bollette e carburanti, a emissioni zero

Il primo complesso residenziale di ville Ecolibera® è sui colli piemontesi, 11mila mq nel verde a pochi minuti dal centro di Asti: è una casa full optional nato dal progetto Country Due, dell’impresa di costruzioni e proprietaria del terreno Cerruti Fratelli Srl diValenza:è il primo insediamento di abi-

tazioni autosufficienti in classe energetica A4. Prevede 11 ville luminose e accoglienti, di cui tre già costruite, in diverse tipologie dai 140mq ai 185mq più locali di servizio, box e terreno piantumato dai 550mq ai 1000mq. Il progetto architettonico è dello studio Marco Scaglione Architetto. Sono ville libere da vincoli energetici e di mobilità grazie a impianti fotovoltaici in grado di supplire all’intero fabbisogno energetico: elettrico e termico. Quanto agli interni di questa prima Ecolibera® del com- plesso Country Due, 175mq su due piani più i locali di servizio e il box (su un terreno di 550mq), è stato scelto uno stile confortevole con design contemporaneo.

Ville Ecolibera® Complesso Country Due

  • Luogo: Frazione Castiglione, Asti
  • Superficie totale complesso: 11mila mq con 11 ville
  • Superficie ville: dai 140mq ai 185mq più locali di servizio e box, terreno piantumato dai 550mq ai 1000mq cad.
  • Prezzo di vendita delle ville: da € 520.000,00 a € 600.000,00
  • Progetto: Marco Scaglione Architetto
  • Impresa costruzione, proprietaria dei terreni: Cerruti Fratelli Srl, Valenza (AL)
  • Classe energetica: A4

Comfort sostenibile

Una casa Ecolibera® produce la giusta temperatura interna e l’energia rinnovabile per impianti, elet- trodomestici e climatizzazione: predisposta per essere scollegata dalla rete elettrica, con soluzioni tecnologiche amiche dell’ambiente e del risparmio, consente di abbattere sensibilmente il fabbisogno energetico grazie all’eccellente efficienza dell’edificio e degli impianti, oltre a massimizzare l’autopro- duzione energetica e l’autoconsumo. È un modello di abitazione completamente elettrica e priva di allaccio alla rete del gas, progettata per produrre più energia di quella che consuma per riscaldamento, aria condizionata, illuminazione ed elettrodomestici.

L’energia catturata dal sole, grazie al tetto fotovoltaico ad alta efficienza, fa funzionare gli impianti e ricarica i veicoli elettrici di famiglia e anche gli apparecchi 4.0 della casa: serra idroponica per avere ortaggi ed erbe aromatiche tutto l’anno, mini-vasca idromassaggio, attrezzi fitness ad autoproduzione di energia e stampante 3D.

Concepita da Finlibera Spa e messa a punto in anni di ricerche da progettisti e tecnici della rete d’im- presa, Ecolibera® è una casa che si potrà disconnettere, quando la normativa lo consentirà, anche dalla rete elettrica (off-grid ready). Per staccarsi dalla rete servirà il benestare dell’Autorità per l’energia

elettrica e del gas (già possibile in case isolate e baite d’altura). A breve, in attesa di normativa specifica, si potrà vendere il surplus energetico alle abitazioni vici- ne, invece che alla rete, e utilizzare la tecnologia Vehicle To Home (VTH) per utilizzare le auto elettriche nel garage come batterie aggiuntive per la casa.

La villa del complesso Country Due già oggi non necessita di prelevare energia dalla rete, nemmeno d’in- verno, ed è pronta per scollegarsi, con i dovuti accorgi- menti tecnico normativi da implementare.«Attualmente abbiamo un impianto fotovoltaico fino a 20kWp di pannelli e 40,5kWh di accumulo Tesla Powerwall che alimenta la casa, gli impianti, tutte le apparecchiature e i veicoli elettrici», spiega Pierpaolo Zampini, con Dario Mortini fondatore, CEO di Finlibera Spa e vice Presidente di Tesla Owners Italia. «Un investimento che si recupera dai 6 agli 8 anni a seconda dei consumi, e che garantisce una durata nel tempo: acquistando oggi si bloccano i costi energetici al 2019 grazie all’acquisto del fotovoltaico per i prossimi 40 anni e delle batterie per oltre 15 anni (cambiarle nel 2035 costerà poco, rispetto a oggi)». Inoltre, per alleggerire i costi del mutuo e della gestione ogni villa Ecolibera® può essere progettata per ricavare una porzione con ingresso auto- nomo da mettere a reddito costante, anche con un gestore di affitti brevi.

 

 

Ogni villa Ecolibera® del complesso prevede un sistema di edificazione dove l’innovazione tecnologi- ca si abbina alle migliori tecniche della tradizione:
• alle fondazioni è posizionato un vespaio di 25 cm che garantisce una separazione ottimale tra sedime e soletta, migliorando le condizioni di traspirabilità e salubrità;

• un’intercapedine perimetrale contro terra (spessore 60cm) aumenta l’isolamento dal terreno; • per gli isolamenti delle pareti, un cappotto perimetrale spesso 15cm (Fassa Bortolo);
• la coibentazione del tetto è progettata con stratigrafia 33 cm;
• il riscaldamento è a pompa di calore con distribuzione a pavimento;

• non c’è collegamento alla rete del metano, l’autosufficienza è coperta dal fotovoltaico;
• nei bagni: sanitari sospesi (Pozzi Ginori), con rubinetteria in acciaio (Ideal Standard);
• le ceramiche di grande formato (Marazzi) sono impiegate anche in facciata;
• i serramenti esterni certificati Casa Clima (Alpifenster) sono dotati di tapparelle in alluminio a comando motorizzato e di zanzariere avvolgibili;

• nelle grandi vetrate della zona giorno le tapparelle in alluminio sono a inclinazione regolabile per favorire il flusso di luce naturale; tutte le vetrate sono basso emissive e anti sfondamento.

Per gli interni della villa Ecolibera® nel complesso Country Due, 175 mq di parti abitative su due piani più i locali di servizio al piano terra, lo stile è moderno e confortevole, con arredi e complementi dal design contemporaneo. Il garage ospita, oltre a due colonnine per la ricarica dei mezzi elettri- ci, un’area tecnologica con strumenti per la manutenzione e la creatività 3D (Ciano Shapes Srl). Sulla sinistra, una scala conduce al primo piano con l’ingresso dove spiccano uno specchio (Diamond), una statua luminosa in plexiglass (Penelope di Myyour) e un’opera d’arte cinetica a moto per- petuo (The Swinging Sticks). L’ampio salone si affaccia sulla terrazza pavimentata con grès porcellanato (Marazzi), illumi- nata e arredata per godere dei momenti di relax sul giardino (pezzi di Slide e Magis, sdraio Myyour). Sul deck della terraz- za: barbecue elettrico (Weber), cuccia del cane in versione smart 4.0 (fotovoltaica a batteria, termostato, areazione e illuminazione con crepuscolare, Pet House Design), minipi- scina idromassaggio (Dimhora).

Nel soggiorno, un’area conversazione e video con hi-fi (dif- fusori suono Sonos, arredi su misura) prevede un sistema di separazione scorrevole che consente agli elementi trasforma- bili di avere una zona separata (con annessa cucina) per affitti temporanei o accoglienza amici. Domina lo spazio un mobi-

le attrezzato che fa da contenitore con divano-letto a scomparsa e consolle (Artigiani in Città), com- pletato da poltrona a dondolo (Voido di Magis, design Ron Arad) e tavolino (Lago) su tappeti dai toni solari (Maisons Du Monde).Tutte le lampade sono a LED.Verso la scala che porta al piano superiore, un armadio con ante a specchio (Ikea) aumenta la sensazione di spazio e luce. Dal living, che accoglie una comoda area pranzo, si accede a una pratica e luminosa cucina-bar a isola: mobili, piano con piastra a induzione ed elettrodomestici attivati dal fotovoltaico, bancone con sgabelli snack (arredi su misura con componenti Ikea). Lampade a sospensione (Campari Light di Ingo Maurer) e un tocco pop: la scritta luminosa di Neon Art. Completano l’area al primo piano un bagno (Pozzi Ginori e Ideal Standard), una zona lavanderia con lavatrice bi-termica (Bosch) e accessori per la cura della biancheria (Foppa Pedretti). Anche le altre aree della casa sono attrezzate con elementi di design, e sul terrazzo affac- ciato sulla valle, un pezzo-scultura a forma di capitello (sedute Kartell) con quadri dell’artista scenografo Piernicola Zampini. Il giardino fornito di impianto di irrigazione a risparmio idrico completa un progetto di vita sostenibile.

 

 

Villa Ecolibera®: tecnologie amiche dell’ambiente e del risparmio

• L’inclinazione, l’orientamento e le dimensioni del tetto rendono l’impianto fotovoltaico (pannelli LG fino a 20kWp di potenza di picco, ottimizzati per la produzione di energia anche con luce diffusa) in grado di supplire all’intero fabbisogno elettrico e termico; tre batterie domestiche Tesla Powerwall fanno da accumulatori, funzionando in modo integrato con i pannelli fotovoltaici per immagazzinare l’elettricità in eccesso generata durante il giorno e renderla disponibile quando necessario per l’energia notturna domestica e la mobilità elettrica (40,5kWh di accumulo)

• Un impianto VMC garantisce il comfort e il controllo interno dell’umidità dell’aria, aumenta l’efficienza energetica della casa e purifica l’aria; inverter di ultima generazione (Trio di ABB);

• pompa di calore per produzione di acqua fredda e calda per climatizzazione e sanitari (Buderus); • lavatrice e lavastoviglie bi-termiche (Bosch) prelevano acqua calda dalla pompa di calore

• la dotazione domotica regola e bilancia il fabbisogno energetico: l’acqua accumulata nei puffer è prelevata all’occorrenza, sfruttando l’inerzia termica (Vimar); l’uso di App Google Home facilita i comandi da remoto;

• per pulizie a emissioni zero, un iRobot (aspirapolvere robotizzato);

• mobilità sostenibile: l’impianto consente di ricaricare i mezzi elettrici grazie a due colonnine di ricarica: un Tesla Wall Connector e una ZAPPI in grado di massimizzare l’efficacia dei sistemi di microgenerazione regolando la potenza di ricarica in base all’energia prodotta dal fotovoltaico e ai consumi della casa (distributore Flexienergy);

• benessere e fitness: con il surplus energetico autoprodotto si può riscaldare una mini piscina idromassaggio; nella palestra uno speciale bici-generatore produce energia dal movimento del corpo e la cede alla bicicletta elettrica, all’illuminazione della palestra e allo smartphone, oppure alla casa (tecnologia brevettata Zehus e adattata per Ecolibera®);

• sistemi anti-intrusione (Vimar) e video-sorveglianza (Netgear by Arlo), funzionanti anche in assenza di corrente

 

Ufficio stampa e PR: info@patriziadesantopr.it

Correlati

Nasce la villa a consumo zero che si ripaga con il risparmio | Il Cittadino Di Lodi

L’abitazione è pensata per autoprodurre tutta l’energia necessaria e un surplus per...

Continua a leggere

Ad Asti la prima villa in armonia con l’ambiente a zero costi di energia e mobilità | VeraClasse

Ad Asti la prima villa in armonia con l’ambiente a zero costi di energia e...

Continua a leggere

Le case stanno a zero. Ed è una buona notizia | LaRepubblica

  NIENTE PIÙ BOLLETTE DA PAGARE, PERCHÉ L’ENERGIA NECESSARIA È...

Continua a leggere

Unisciti alla discussione